mercoledì 26 luglio 2017

Gea Lionello, una voce "divina" per il videogame "Eselmir"



Il videogame "Eselmir e i cinque doni magici" (Stelex Software) si riconferma come un progetto che punterà molto sulla qualità artistica, intesa come arte a tutto tondo. Non soltanto potrà contare su un impianto narrativo romanzesco e un comparto grafico dalla forte personalità, così come su una colonna sonora particolarmente ricercata, ma potrà anche beneficiare di alcune voci d'eccezione per quanto riguarda il doppiaggio delle cutscenes. Oltre al menestrello per eccellenza, Angelo Branduardi, che presterà la sua voce a re Helewen (vedi nostro articolo del 10 maggio 2017); avremo il piacere di ascoltare - per la prima volta nel mondo dei videogame - la nota attrice italiana Gea Lionello, nel doppiaggio di Monusadah, la Dea del tempo (che vediamo, qui sotto, in un inedito artwork di Sebastiano B. Brocchi). 


Presenza divina che si rivelerà decisamente provvidenziale nello svolgimento dell'intreccio, possiamo dire che Monusadah sia l'elemento scatenante dell'intera vicenda: è lei, infatti, a conferire al protagonista, Eselmir, la missione di ritrovare i cinque doni magici di re Theoson. Anche nel resto dell'avventura il legame tra il sacerdote e la Dea richiamerà per certi aspetti alcuni celebri precedenti letterari, primo fra tutti quello tra Atena e l'ingegnoso Odisseo nel celebre poema omerico. 


Gea Lionello (Roma, 27 marzo 1967) è un'attrice italiana, figlia dell'attore Alberto Lionello. Dopo aver studiato per un anno presso la scuola di recitazione La scaletta, fondata e diretta da Giovanni B. Diotiaiuti, debutta in teatro nel 1984 ne La governante, regia di Luigi Squarzina. Successivamente al lavoro teatrale alterna quello televisivo, cinematografico e, anche, radiofonico. Dal 2004 è tra i protagonisti, con il ruolo di Claudia Morandi, della serie televisiva di Canale 5 "R.I.S. - Delitti imperfetti". Nel 2009 è tra i protagonisti, con il ruolo del commissario Fabiana Cortesi, della serie "Il bene e il male", trasmessa su Rai 1. Al cinema interpreta diversi ruoli, tra cui quello di Elena in "Manuale d'amore - Capitoli successivi" (2006) di G. Veronesi; così come a teatro, dove recentemente ha dato ennesima prova del suo talento con la pièce "Un'ora di tranquillità" (2015-2016) di F. Zeller. 



mercoledì 19 luglio 2017

Le Gesta di Nhalbar: prime anticipazioni



Cari lettori e amanti della saga, se state aspettando di conoscere l'epilogo delle vicende narrate da re Helewen, sappiate che la vostra attesa verrà ripagata da quello che l'autore, Sebastiano B. Brocchi, annuncia come il volume più vasto, epico e monumentale della trilogia: "Le Gesta di Nhalbar". Nel romanzo confluiranno tutti i fili della trama tracciata dai precedenti volumi "Le memorie di Helewen" e "Hairam Regina", e darà finalmente un compimento alla profezia riguardante la Corona del Re del Mondo. Ritroveremo Helewen, ormai spodestato e fuggiasco in terre straniere, ma soprattutto un mondo che si prepara a diventare lo scenario dello scontro epocale tra i figli gemelli del sovrano, diversi come il giorno e la notte: Nhalbar, che dovrà apprendere i segreti della magia per affrontare il fratello, e Nothal, spietato e disposto a tutto per coronare i suoi sogni di gloria. Continuate a seguirci per restare aggiornati! 


sabato 15 luglio 2017

Ahdehtal, la delicata arpista


"Mia madre, Ahdehtal, figlia di Phant-peh-hel, prima di diventare regina era una musicista, suonatrice di arpa" (da "Le memorie di Helewen").


giovedì 29 giugno 2017

Il monte Peinùr




"Finalmente, il Muro si mostrava in tutta la sua implacabile altezza e rigida fissità. Peinùr, l’Orgoglio, era un monte del tutto singolare: la sua cima piatta e le pareti verticali lo rendevano simile a un mattone di roccia marrone" (da "Hairam Regina").